Punto di pubblicazione: server di ingest per lo streaming in diretta

Passiamo al lato fisico per un momento.

Poiché il live streaming è una cosa di internet , è facile pensare interamente in termini virtuali, ma anche la realtà fisica fa la sua parte. Ciò include la qualità della telecamera, l’illuminazione, il trucco, se possibile, le angolazioni della telecamera e, naturalmente, l’affidabilità e la velocità delle connessioni Internet. Include anche l’architettura utilizzata dai servizi di streaming live come i punti di pubblicazione, il bilanciamento del carico, la ridondanza del fail-over e i server di ingest.

Il punto di pubblicazione (“pubpoint” o Entry Point con un nome alternativo) si riferisce alla posizione fisica del server di ingest per lo streaming live a cui la trasmissione viene consegnata per prima e che ospita effettivamente lo streaming per tutti gli spettatori. In poche parole, un punto di pubblicazione è il server del vostro CDN. Questo è importante perché, sebbene la trasmissione di dati su Internet sia veloce, non è istantanea, né la perdita di segnale sulla distanza è nulla. Un punto di pubblicazione vicino alla posizione in cui si sta caricando lo streaming produce una trasmissione di qualità migliore (a parità di condizioni) rispetto a uno più lontano.

Reti di distribuzione dei contenuti

Punto di pubblicazione: server di ingest per lo streaming in diretta

La disponibilità di server di ingest e la vicinanza del punto di pubblicazione alla vostra posizione sono funzioni della rete di distribuzione dei contenuti. rete di distribuzione dei contenuti (CDN) utilizzata da un servizio di live streaming. Un CDN è spesso una società di terze parti esterna al servizio di streaming. Dacast, ad esempio, utilizza il sistema Akamai e Verizon (precedentemente noto come Edgecast). La divisione degli sforzi consente a ciascuna società di gestire ciò che sa fare meglio e di offrire il miglior servizio alle emittenti e al pubblico. Garantisce che i flussi in diretta raggiungano gli spettatori con un ritardo minimo.

Anche se il vostro servizio di streaming potrebbe non gestire un proprio CDN, può fornirvi un’idea di quanto sia vicino il punto di pubblicazione più vicino al luogo da cui state trasmettendo. La maggior parte delle CDN è un po’ riservata nel rivelare i dettagli della propria rete (Verizon è un’eccezione, con la pubblicazione della mappa della rete da parte diVerizon pubblica una mappa della rete), in parte perché cambiano regolarmente con l’espansione e la manutenzione del CDN. Dovreste anche scoprire quanto è estesa la rete di distribuzione nell’area in cui trasmetterete. Entrambi questi punti – l’ubicazione del server da cui invierete il vostro streaming e l’ubicazione dei server da cui i vostri spettatori riceveranno il segnale – sono importanti in termini di qualità della trasmissione finale.

Ecco perché è essenziale trovare la giusta rete di distribuzione dei contenuti per i vostri flussi live o on-demand. Ciò contribuirà a garantire un’esperienza di visione dei video fluida per i vostri utenti.

Potete trovare alcune informazioni sui maggiori CDN qui. L’elenco è in ordine alfabetico e non per dimensione. Le tre CDN più note di questo elenco sono Akamai (che, per coincidenza, è anche la prima), Amazon (famoso per la vendita al dettaglio su Internet) e Verizon/EdgeCast.

Perché è importante: Punto editoriale

Punto di pubblicazione: server di ingest per lo streaming in direttaCome già detto, il segnale di streaming passa attraverso connessioni fisiche reali (fili o cavi in fibra ottica) e ciò significa che impiega un tempo non nullo per arrivare dall’utente ai server del servizio di streaming. Più lontano è il punto di pubblicazione del flusso, più lungo è il tempo necessario per raggiungerlo. Inoltre, il segnale avrà più possibilità di essere degradato quanto più lunga è la distanza percorsa, e ciò significa un maggior rischio di perdere dati o di avere un’interruzione del segnale. Sono molti gli elementi che possono causare l’interruzione del segnale, dalle interferenze dei campi elettromagnetici e della congestione del router ai danni fisici alla linea, e più il segnale deve viaggiare a lungo, più è probabile che si verifichino questi eventi.

Per questo motivo, è una buona idea avere un punto di pubblicazione vicino al luogo di trasmissione. Se trasmettete da Boston e il vostro punto di pubblicazione è anch’esso a Boston, è l’ideale. Se si trova a Tokyo (per fare un’ipotesi estrema), è probabile che ci siano problemi. In parole povere, più punti di pubblicazione il servizio di streaming mette a disposizione, più è probabile che si riesca a trasmettere a uno vicino alla propria posizione e meno problemi di qualità si possono avere con il proprio streaming.

Inoltre, più grande è il CDN, più il traffico web che lo attraversa è condiviso da più server e quindi il vostro CDN ha bisogno anche di un’efficace capacità di bilanciamento del carico del server di ingest per assicurarsi di non subire la congestione del punto di pubblicazione. Se il vostro punto di pubblicazione è vicino alla vostra sede di trasmissione ma riceve molto traffico da un’ampia area, è essenziale che il vostro CDN abbia la capacità di reindirizzare dinamicamente il traffico tra i suoi punti di pubblicazione.

In termini di Dacast, gli utenti hanno il vantaggio del sistema Akamai Dynamic Encoder EntryPoint Mapping (DEEM) che individua automaticamente i migliori punti di pubblicazione per lo stream.

Cosa c’è di più?

Oltre al punto di pubblicazione, è importante trovare un CDN che abbia molti server distribuiti nella regione in cui è probabile che si trovi la maggior parte del vostro pubblico. Questo aiuterà a ridurre il ritardo dei video e a garantire una migliore esperienza di visione. È inoltre fondamentale verificare il consumo di banda e selezionare i server della rete di distribuzione dei contenuti in base a tale consumo.

È necessario considerare anche il tempo di attività della CDN, in quanto potrebbe svolgere un ruolo importante nel garantire che i vostri flussi on-demand siano accessibili ai vostri utenti ogni volta che lo desiderano. Eventuali tempi di inattività potrebbero danneggiare in modo significativo l’esperienza degli utenti.

Perché è importante: Server Web

Punto di pubblicazione: server di ingest per lo streaming in diretta

I server di ingest o i punti di pubblicazione non sono la stessa cosa dei server edge delle CDN , ma le considerazioni importanti sono le stesse. I server Edge CDN ricevono il flusso dal server di ingest quando uno spettatore vicino cerca di guardarlo e lo rendono disponibile agli spettatori. Come nel caso dei punti di pubblicazione, tranne che per il fatto che i segnali fluiscono nell’altra direzione, più un edge server è vicino alla posizione del vostro spettatore, più chiaro è il segnale che può essere ricevuto, a parità di condizioni.

Tuttavia, non è così semplice avere un unico centro dati vicino alla posizione dell’osservatore. Quando un browser cerca un indirizzo web (che il browser converte in un indirizzo IP per un particolare server e in un ID di flusso per un particolare flusso in diretta su quel server) cerca un “percorso” che può variare in quanto a lunghezza e coinvolgimento, a seconda delle variazioni del traffico. Quanto più estesa è la rete di server web, tanto migliore sarà l’esperienza di download di uno spettatore, a parità di condizioni.

Questo sottolinea l’importanza dei servizi CDN con più server vicini all’utente finale, in quanto sono in grado di fornire contenuti Internet senza soluzione di continuità. Ad esempio, Akamai CDN ha circa 365K server distribuiti in 135 Paesi. Allo stesso modo, Cloudflare CDN ha server in 273 sedi distribuite in 115 Paesi.

FAQ

1. Cosa fa un server di streaming?

Come suggerisce il nome, un server di streaming è un server che consente di fornire video in diretta o su richiesta agli utenti finali attraverso una rete di distribuzione dei contenuti (CDN). Un server di streaming è dotato di funzionalità RTMP (Real-Time Messaging Protocol) che gli consentono di trasferire i dati richiesti in tempo reale per lo streaming in diretta.

2. Come si ospita un server di streaming?

Ecco i passi da compiere per ospitare un server di streaming:

  • Fatevi un’idea chiara dei vostri requisiti di streaming
  • Selezionare un progetto open-source per lo streaming
  • Scarica OBS Studio per lo streaming
  • Selezionate un CDN per distribuire il video agli utenti

Tutto qui! Il server di streaming è pronto per l’hosting.

3. Qual è la differenza tra un server web e un server di streaming?

In termini semplici, un server web è un server che comprende solo il contenitore web. In genere accetta richieste dai client per servire contenuti web statici, come pagine web HTML, immagini e altro. D’altra parte, un server di streaming è un server che dispone di funzionalità RTMP e può anche trasmettere contenuti dinamici come i flussi in diretta.

4. Che cos’è il CDN rispetto al DNS?

CDN sta per Content Delivery Network, mentre DNS significa Domain Name Server. Il DNS è una directory che aiuta a mappare i nomi di dominio con i rispettivi indirizzi IP. Le CDN, invece, sono una rete di centri dati distribuiti a livello globale che utilizzano i server DNS per eseguire l’instradamento dinamico delle richieste.

5. Che cosa significa CDN nel networking?

CDN è l’acronimo di Content Delivery Network, ovvero una rete di server distribuiti a livello globale che consente di distribuire rapidamente i contenuti agli utenti. Questi server memorizzano nella cache le informazioni inviate e le consegnano istantaneamente agli utenti con un ritardo minimo, poiché sono più vicini geograficamente rispetto al vostro server di origine.

Conclusione

Per tutti questi motivi, il CDN utilizzato dal servizio di piattaforma di streaming è un fattore importante nella scelta del servizio da utilizzare. Non è assolutamente l’unico fattore importante, ma è un aspetto da tenere presente per i punti di pubblicazione e i server edge. È necessario un servizio che offra una grande capacità di punti di ingest (compreso uno vicino alla località da cui si trasmette) e che invii il segnale a un gran numero di server web per gli spettatori.

Ricordate che il vostro servizio di streaming utilizza quasi sicuramente una società CDN di terze parti. Per questo motivo, è bene fare una ricerca sui principali provider di CDN. Queste informazioni e la conoscenza dell’azienda o delle aziende che utilizzano un servizio di streaming vi daranno un’idea della capacità del servizio di ricevere il vostro segnale radiotelevisivo e di trasmetterlo ai vostri spettatori, il che, insieme ai servizi forniti e al costo, dovrebbe orientare la vostra scelta.

Fanny Elise Lagarde

Fanny Elise was a part of the Dacast engineering team, and with her technical knowledge, helped the marketing team to engage readers with streaming content.