Quanto costa avviare una piattaforma OTT nel 2023?

ott channel costs

Mentre lo streaming di tutti i tipi di contenuti diventa sempre più popolare tra i consumatori, molte aziende sono alla ricerca di modi per sfruttare i loro contenuti come capitale. Per alcuni, questo li porta a considerare lo sviluppo di una propria piattaforma over-the-top (OTT) per distribuire e monetizzare i propri contenuti.

La creazione di una propria piattaforma OTT offre una notevole libertà di aggiungere gli elementi desiderati, ma può anche costare più di quanto si pensi.

In questo articolo spiegheremo cosa sono i canali OTT, i fattori che incidono sui costi di creazione di un canale OTT e i modelli che potete utilizzare per monetizzare i vostri flussi di contenuti video.

Indice dei contenuti

  • Che cos’è una piattaforma OTT?
  • 9 fattori che incidono sui costi dei canali OTT
  • Modi per monetizzare la tecnologia OTT
  • Conclusione

Che cos’è una piattaforma OTT?

Una una piattaforma over-the-top, o OTT è un servizio multimediale offerto direttamente agli utenti attraverso Internet.

Invece di utilizzare i canali tradizionali, come la televisione via cavo, via etere o via satellite, per distribuire i contenuti in streaming , i canali OTT inviano i loro video direttamente ai consumatori via Internet. Questo modello di servizio consente alle società che gestiscono la piattaforma OTT di controllare i contenuti e le modalità di distribuzione, nonché le modalità di guadagno da tali contenuti.

Perché creare una piattaforma OTT?

Piattaforma OTT
La creazione di una propria piattaforma OTT è interessante per le aziende che desiderano una maggiore libertà sui propri contenuti rispetto ad altre opzioni.

Internet è pieno di servizi di streaming OTT, tra cui giganti come Netflix, Amazon Prime e YouTube.

Come creatori di contenuti, potete certamente utilizzare questi canali per distribuire i vostri contenuti. Tuttavia, molte aziende non vogliono i limiti imposti dall’utilizzo della tecnologia di streaming OTT di qualcun altro.

Alcuni motivi per cui le aziende e i creatori costruiscono le proprie piattaforme OTT includono:

  • Non vogliono che qualcun altro sia il proprietario dei loro contenuti e della loro distribuzione.
  • Desiderio di avere una monetizzazione monetizzazione OTT metodi di monetizzazione
  • Necessità di un’etichetta bianca per il lettore video da utilizzare sul proprio sito web
  • Vogliono controllare il modo in cui i loro contenuti vengono distribuiti

Qualunque siano queste ragioni, la scelta di costruire una piattaforma OTT non è priva di costi significativi per i servizi.

9 fattori che incidono sui costi dei canali OTT

Sono diversi i fattori che incidono sui costi dei canali over-the-top. Ecco i 9 fattori principali che determinano il costo dello sviluppo di una piattaforma OTT:

Progettazione, test e ottimizzazione

Quando molti pensano di creare un proprio servizio di streaming OTT, la cosa più importante è pagare qualcuno per progettare la piattaforma.

Sebbene i costi di progettazione e sviluppo di una piattaforma possano essere elevati, soprattutto se si paga uno sviluppatore professionista di alto livello, il lancio di un servizio di streaming non si limita alla sola progettazione. La piattaforma OTT deve essere testata per eliminare eventuali bug e ottimizzata in modo da funzionare bene su una serie di dispositivi diversi e a diverse velocità di internet.

Questo processo può richiedere molto tempo, a volte un anno o più a seconda della complessità, con costi che aumentano di giorno in giorno.

Regolamenti e requisiti

Una volta lanciata, la piattaforma richiede aggiornamenti e manutenzione frequenti, in modo da rimanere accessibile e in ottime condizioni di funzionamento per gli utenti.

Ciò richiede che qualcuno si dedichi a tenere traccia di tutti gli aggiornamenti e della manutenzione necessari, nonché di qualsiasi cambiamento di requisiti da parte di luoghi come un app store in cui avete inserito il vostro software per il download. Se non si soddisfano tutti i requisiti dell’app store prescelto, si deve tornare al tavolo da disegno con la propria tecnologia, ritardando ulteriormente il lancio su larga scala.

Il bilanciamento tra facilità d’uso, streaming di alta qualità e tecnologia di punta può essere una sfida da superare per il vostro servizio di streaming .

Metodi di monetizzazione flessibili

monetizzazione del canale ott
Creare una tecnologia OTT significa poter scegliere come monetizzare i propri video.

Create contenuti utili e di valore e meritate di essere pagati per tutto il tempo e il talento che impiegate nella creazione di tali contenuti.

Per fare questo, la vostra tecnologia OTT deve incorporare una sorta di opzione di monetizzazione . Inoltre, se volete essere in grado di guadagnare in modi diversi da video diversi, dovete includere più di un metodo di monetizzazione.

La possibilità di offrire un canale in abbonamento per la maggior parte dei contenuti, ad esempio, ma di vendere ai clienti attuali un video esclusivo a pagamento, offre più fonti di reddito potenziali e diversifica i servizi offerti.

Ma la monetizzazione dei contenuti non si limita alla scelta di un metodo di pagamento: è necessario che gli utenti paghino senza problemi il servizio di streaming video.

Ciò richiede l’integrazione dei pagamenti in-app e la costruzione della piattaforma di streaming OTT attorno a un processore di pagamento esistente. A seconda del sistema di pagamento utilizzato, questo compito può essere complicato e frustrante per uno sviluppatore e apre la piattaforma a bug consistenti se il sistema di pagamento e la piattaforma OTT non funzionano bene insieme.

Localizzazione e lingua

Se state cercando di espandere la portata dei vostri contenuti in diversi Paesi, dovrete tenere conto della necessità di localizzare l’esperienza del cliente nei vostri piani di sviluppo.

Paesi diversi hanno requisiti di streaming diversi e possono richiedere personale di assistenza clienti aggiuntivo che parli più lingue.

Questo aumenta in modo esponenziale il costo del vostro servizio di streaming OTT, a seconda del numero di Paesi e lingue che dovete considerare nella vostra strategia.

La tua piattaforma di streaming e i contenuti devono essere non solo accessibili in diversi Paesi, ma anche funzionare bene sui dispositivi disponibili in quei Paesi. È inoltre necessario disporre di più opzioni linguistiche per i sottotitoli dei contenuti e per le copie in-app, nonché di personale di assistenza clienti in grado di parlare con i clienti in diverse lingue.

Ottima assistenza clienti

Sebbene si voglia certamente puntare a la vostra piattaforma OTT sia il più possibile priva di bug e facile da usare, questo non è una realtà. Per questo motivo, è necessario includere un ottimo servizio di assistenza clienti o una soluzione nei vostri piani di budget.

L’esperienza del cliente sarà un fattore determinante per il tasso di successo della vostra piattaforma. Se le persone non ricevono una risposta tempestiva ai loro problemi e alle loro domande da una persona amichevole, saranno meno propense a rimanere fedeli alla vostra piattaforma.

Sia che esternalizziate il vostro servizio clienti a un servizio di terze parti o che assumiate rappresentanti interni, chiunque risponda al telefono per voi deve essere formato e supportato per fornire il livello di servizio clienti che volete offrire.

Gestione dei contenuti facile da usare

La vostra piattaforma deve essere intuitiva sia per gli spettatori dei video che per i membri del vostro team. Ciò richiede un sistema di gestione dei contenuti (CMS) snello e ben progettato.

Un ottimo CMS dovrebbe consentire a chiunque, esperto o meno, di caricare e organizzare facilmente i video, compresa la possibilità di etichettarli e ordinarli in categorie per una facile consultazione. Se si progetta un CMS che è goffo e richiede praticamente una laurea in fisica per funzionare, il team si sentirà frustrato nel tentativo di caricare e condividere i contenuti sul servizio di streaming.

Alcune caratteristiche chiave da includere nella vostra piattaforma sono:

  • Modifica o eliminazione in batch dei video
  • Supporto per l’aggiunta di una miniatura personalizzata
  • Possibilità di raggruppare i video, ad esempio in una playlist
  • Caricamento massivo
  • Possibilità di incorporare un video ovunque
  • Possibilità di sostituire un video senza modificare l’URL o aggiornare i codici embed.

Queste funzioni rendono il caricamento e la condivisione dei contenuti facile e veloce e mettono tutto il team sulla stessa lunghezza d’onda nell’esecuzione della strategia di streaming video.

Manutenzione continua

Il lancio di un servizio di streaming OTT va ben oltre lo sviluppo iniziale; gran parte dei costi di un canale OTT è costituita dalla manutenzione e dagli aggiornamenti continui per mantenere il funzionamento corretto.

Inoltre, se sperate di rimanere all’avanguardia per quanto riguarda la tecnologia dei servizi di streaming , dovrete aggiornare e innovare continuamente la vostra piattaforma OTT per distinguervi.

Questa parte del prezzo del vostro canale OTT può diventare costosa, in quanto potreste dover pagare dei freelance costosi o avere un vostro personale addetto alla manutenzione. Quanto più complicata è la vostra piattaforma, tanto più specializzate saranno le competenze del vostro team di manutenzione e, di conseguenza, tanto più costoso sarà il suo ingaggio.

Tutte queste spese dovranno essere calcolate bene e dovranno riflettersi nella vostra strategia di pricing per garantire che siate in grado di ottenere un profitto dalla vostra piattaforma OTT.

Acquisizione e visualizzazione dei dati

Analisi video Dacast
Per sapere se i vostri contenuti hanno un buon rendimento, la vostra piattaforma OTT deve essere in grado di acquisire dati chiave da analizzare e su cui agire.

Creare e distribuire contenuti video senza un modo per monitorare quali video funzionano bene e quali no è un enorme spreco di tempo e denaro. Per raccogliere in modo affidabile queste informazioni sui video su i vostri canali OTT la vostra piattaforma deve includere metodi per catturare, analizzare e visualizzare i dati chiave.

Alcuni elementi che dovrete essere in grado di tracciare includono:

  • Numero di visualizzazioni
  • Numero di visualizzazioni nel tempo
  • Fonte di traffico per i video (e-mail, social, ecc.)
  • Tempo medio di visione
  • Numero di giocate fino alla fine
  • Numero di azioni

A seconda dei vostri obiettivi di marketing video, potreste avere anche altre metriche da monitorare e la vostra piattaforma deve avere un metodo integrato per raccogliere queste informazioni.

Ma metà della battaglia dei dati sui video consiste nel capire il significato di tutte queste informazioni e la loro correlazione con gli obiettivi di marketing generali.

Per facilitare l’analisi dei dati, è importante avere un modo per visualizzarli. Grafici, diagrammi e diagrammi di dispersione dei cambiamenti nel tempo sono tutti ottimi modi per aiutarvi a vedere, a colpo d’occhio, cosa funziona nel vostro marketing video e cosa no.

Questa è un’altra caratteristica che dovrebbe essere integrata nella piattaforma OTT per renderla l’opzione più efficace per la vostra azienda.

Marketing

Una volta lanciata la tecnologia over-the-top, è necessario commercializzarla per attirare nuovi utenti e attirare più occhi sui video.

Con il rilascio di altre piattaforme, la concorrenza aumenta, per cui il marketing deve essere una parte essenziale del calcolo dei costi.

Alcuni costi comuni associati alla commercializzazione della tecnologia OTT includono:

  • Mailing-list: Volete raccogliere, segmentare e inviare e-mail mirate e personalizzate ai membri della vostra mailing list per convincerli a iscriversi, pagare per altri servizi o indirizzare altri alla vostra piattaforma.
  • Buoni e sconti: Scontando temporaneamente la vostra piattaforma o i vostri contenuti, o offrendo occasionalmente dei buoni sconto, si può ottenere un maggior numero di persone interessate a pagare la vostra piattaforma a un prezzo ridotto.
  • Codici promozionali: Simile a un coupon, l’offerta di un codice promozionale porta nuovi utenti o richiama quelli persi fornendo uno sconto limitato nel tempo.
  • Prove gratuite: Abituate le persone a usare la vostra piattaforma e mostrate loro tutti i vantaggi dell’iscrizione offrendo una prova gratuita.
  • Influencer outreach: A seconda della vostra nicchia, potete fornire l’accesso a influencer su Instagram, Facebook o YouTube, oppure a conduttori di podcast e blogger, in cambio della loro promozione della vostra piattaforma. Spesso, l’influencer outreach prevede anche l’offerta di un coupon, di una prova gratuita o di un codice promozionale ai follower dell’influencer per convincerli a provare la vostra piattaforma.
  • Ottimizzazione dei motori di ricerca: Per essere trovati quando le persone cercano online la tecnologia OTT è necessaria una strategia di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) per il vostro sito web. Questo include la ricerca di parole chiave, i contenuti, la creazione di link e altre strategie SEO per aiutare il vostro sito web a comparire in modo più evidente nei risultati di ricerca.
  • Pubblicità a pagamento: Se avete un po’ di soldi da spendere o volete davvero aumentare il traffico proveniente dai risultati di ricerca online, la pubblicità a pagamento può aiutarvi. Sia che facciate pubblicità su Google, Facebook, YouTube, LinkedIn o qualsiasi altra piattaforma, è importante creare con cura annunci che abbiano maggiori probabilità di convertire i visitatori in clienti per ottenere il massimo dalla spesa pubblicitaria.

Sebbene possiate gestire da soli il marketing delle piattaforme OTT, potrebbe essere prudente prendere in considerazione la possibilità di esternalizzare almeno alcune delle attività a qualcun altro, sia all’interno del vostro team che come partner di marketing di terze parti. Il marketing della vostra piattaforma richiede molto tempo, sforzi e conoscenze, e cercare di gestirlo da soli può finire per costarvi di più, nel lungo periodo, che assumere qualcuno.

Modi per monetizzare la tecnologia OTT

Guadagnare con i contenuti creati è una parte essenziale del vostro business plan. Lavorate duramente per creare contenuti video eccezionali e volete che sia il più facile possibile ottenere nuovi spettatori e guadagnare con le loro visualizzazioni.

Se state creando la vostra piattaforma OTT, avete tre metodi principali di monetizzazione dei video da scegliere tra pubblicità, abbonamento e transazione.

Video su richiesta basati sulla pubblicità (AVOD)

Il video on demand basato sulla pubblicità (AVOD) consente a tutti i contenuti video di essere gratuiti per gli spettatori, ma di far girare annunci pubblicitari all’interno dei video come metodo di guadagno. Questo è il modello seguito da YouTube, ad esempio.

L’utilizzo di un modello AVOD è vantaggioso per gli spettatori, che non devono pagare nulla per vedere i vostri contenuti. In questo modo è possibile rivolgersi a una gamma più ampia di spettatori, che non devono fare alcun sacrificio per poter guardare i vostri video.

Tuttavia, AVOD presenta alcuni svantaggi per il creatore del video.

Spesso, i prezzi che gli inserzionisti pagano per la monetizzazione AVOD sono calcolati in costo per mille impressioni (CPM). Quindi, se un inserzionista accetta di pagarvi un prezzo di 10 dollari CPM e il vostro video riceve 100.000 impressioni, guadagnerete 1.000 dollari.

A meno che non si preveda che i propri contenuti ricevano un gran numero di visualizzazioni e impressioni, è improbabile che AVOD faccia guadagnare molto alla propria azienda.

Inoltre, se sviluppate la vostra piattaforma OTT, la ricerca di inserzionisti da associare ai vostri canali dipende esclusivamente da voi. Questo può essere un processo che richiede molto tempo e lavoro e che potrebbe non essere fruttuoso come si vorrebbe.

YouTube è forse il miglior esempio di piattaforma AVOD. La cosa migliore è che i contenuti sono tutti crowdsourcing, il che significa che hanno un enorme volume di contenuti in arrivo. Potreste combinarlo con SVOD o TVOD per ottenere maggiori entrate dalle vostre operazioni.

Video in abbonamento su richiesta (SVOD)

Abbonamento Video on Demand
Con lo SVOD, gli spettatori pagano un abbonamento che di solito varia da mensile ad annuale.

L’abbonamento a video on demand (SVOD) prevede che gli utenti paghino una tariffa per accedere a tutti o a una parte dei vostri contenuti. Servizi come Netflix, Hulu e Disney+ operano sul modello SVOD, in cui gli utenti pagano un canone mensile per guardare qualsiasi contenuto disponibile sulle piattaforme.

Molti utenti apprezzano i modelli SVOD perché, a fronte di un unico prezzo, hanno accesso a tutti i contenuti che desiderano guardare e possono guardare e rivedere i loro video preferiti. Questo modello di prezzo prevedibile è ottimo anche per i creatori di contenuti, che possono contare su entrate relativamente uniformi mese per mese con i prezzi degli abbonamenti.

Tuttavia, se non disponete di un ampio catalogo di contenuti video, potreste avere difficoltà ad argomentare ai consumatori il motivo per cui dovrebbero pagare un abbonamento. Una videoteca di dimensioni ridotte, a meno che non si tratti di una nicchia molto specializzata con pochi concorrenti, può indurre i potenziali utenti a non ritenere che il prezzo dell’abbonamento “valga la pena” e può rendere più difficile attrarre e mantenere gli abbonati.

Detto questo, lo SVOD può essere costoso per molti clienti. Per addolcire l’offerta, potreste mescolare SVOD e AVOD come fa Netflix. Potreste lanciare un livello ad-supported come hanno fatto loro, oppure proporre alcuni contenuti premium disponibili solo per gli abbonati e rendere tutti gli altri contenuti gratuiti. Questo può aiutarvi ad acquisire più clienti.

Video transazionale su richiesta (TVOD)

Transactional video on demand (TVOD) significa che gli utenti ricevono un prezzo pay-per-view per il raggruppamento dei contenuti. A seconda di come è impostato il modello, l’acquisto può dare all’utente l’accesso al contenuto per sempre (come nel caso dell’acquisto di un film da Amazon Prime) o per un periodo di tempo limitato (come nel caso del pagamento dell’accesso a un film in Pay-Per-View o di un noleggio da Amazon).

Questo modello di monetizzazione può essere interessante per i consumatori, che pagano solo per i contenuti che vogliono guardare.

È anche vantaggioso per la vostra attività, perché vi permette di far pagare di più i contenuti premium, come gli eventi in live-streaming o i video di alto valore, rispetto agli altri contenuti. Il TVOD può aiutarvi a portare un maggior numero di utenti a pagare per i vostri contenuti SVOD, dato che pagano per uno o due contenuti che vogliono davvero guardare e poi decidono di pagare un abbonamento.

Questo modello può essere problematico per le aziende, soprattutto se non hanno contenuti per i quali gli utenti sono disposti a pagare individualmente. Inoltre, le aziende che producono contenuti di alto valore che gli utenti potrebbero voler rivedere possono avere difficoltà se il loro modello TVOD consente solo un periodo di tempo limitato o un numero di visualizzazioni con un acquisto.

Detto questo, è possibile utilizzare un mix di TVOD e SVOD per convincere le persone a pagare di più per l’accesso anticipato ai contenuti premium. Si potrebbe anche combinare con AVOD per dare agli utenti gratuiti la possibilità di accedere a contenuti premium pagando. In questo modo è possibile aumentare le entrate dallo stesso gruppo di clienti.

FAQ

1. Che cos’è un canale OTT?

L’OTT, o over-the-top, è un mezzo per mostrare agli utenti i contenuti su Internet, invece di utilizzare i mezzi tradizionali della televisione via cavo o satellitare. Un canale OTT è un canale digitale che viene trasmesso attraverso Internet e può essere guardato su una piattaforma OTT.

2. Come faccio a ricevere i canali OTT sul mio televisore?

Per ottenere i canali OTT sul televisore, si può fare una delle seguenti operazioni:

  • Abbonarsi a una piattaforma OTT che offre il canale OTT desiderato
  • Procuratevi una smart TV con app OTT preinstallate e abbonatevi ad esse.
  • Acquistare dispositivi CTV come Amazon Fire TV Stick per ottenere canali OTT
  • Collegare il laptop al televisore con un cavo HDMI
  • Trasmettete lo schermo dello smartphone sul televisore per ottenere i canali OTT

3. Come posso guardare OTT?

Per guardare i contenuti dei servizi OTT è sufficiente un dispositivo connesso a Internet. Potrebbe trattarsi di smartphone, tablet, laptop o televisore. È quindi necessario recarsi su qualsiasi piattaforma OTT o scaricare l’app della piattaforma OTT e abbonarsi. Se si tratta di una piattaforma AVOD, sarà possibile iniziare lo streaming anche gratuitamente.

4. Qual è la differenza tra OTT e TV normale?

La differenza principale tra i servizi OTT e la TV normale è la modalità di trasmissione dei contenuti agli spettatori. Mentre la TV normale si affida al satellite o ai cavi, le piattaforme OTT utilizzano Internet per inviare i contenuti agli spettatori. I consumatori pagano direttamente la piattaforma OTT per accedere ai contenuti.

5. Quali sono i dispositivi OTT negli Stati Uniti?

Negli Stati Uniti esistono diversi dispositivi OTT. Questi includono:

  • Smartphone
  • Tavoli
  • Computer portatili
  • TV intelligenti
  • Dispositivi CTV (Apple TV, Fire TV Stick)
  • Console di gioco

Conclusione

Lo sviluppo di una propria piattaforma OTT può essere interessante per un imprenditore, in quanto consente il controllo totale dei contenuti, dei metodi di monetizzazione dei video e di una serie di altri fattori. Tuttavia, poiché la costruzione di un canale OTT comporta un gran numero di parti mobili, i costi possono aumentare rapidamente e rendere l’idea fuori portata per alcune aziende.

Piuttosto che crearne uno proprio, molte aziende considerano i costi del canale OTT e scelgono di collaborare con un servizio di terze parti affidabile come Dacast.

Dacast offre tutti i vantaggi di una piattaforma OTT autocostruita, compresi i metodi di monetizzazione personalizzabili e l’opzione di white-label del lettore video, senza i significativi grattacapi e costi.

Siete pronti a scoprire come Dacast può aiutare la vostra azienda a raggiungere gli obiettivi di contenuto? Provate Dacast gratuitamente per 14 giorni. Potrete accedere a tutto ciò che fanno i membri effettivi senza dover pagare ingenti spese di avviamento, firmare contratti o fornirci il numero della vostra carta di credito. Provate Dacast oggi stesso, non è richiesta alcuna carta di credito.

Iniziare gratuitamente

Per ricevere regolarmente consigli sul live streaming e offerte esclusive, vi invitiamo a unirvi al gruppo LinkedIn di Dacast.

Harmonie Duhamel

Harmonie is a Senior digital marketer with over 6 years in the Tech Industry. She has a strong marketing and sales background and loves to work in multilingual environments.