Frammentazione dei contenuti e streaming OTT: cosa devono sapere i broadcaster

Frammentazione dei contenuti e streaming OTT: cosa devono sapere i broadcaster

content fragmentation

Il modo in cui i media vengono distribuiti e consumati è in continua evoluzione, spesso in meglio. La distribuzione dei media sta diventando più mirata per creare un’esperienza utente più personalizzata. In quest’ottica, la frammentazione dei contenuti è una tendenza OTT che le emittenti dovrebbero tenere d’occhio nel 2022.

In questo post analizzeremo la frammentazione dei contenuti nel contesto dello streaming OTT. Verranno illustrati i pro, i contro, le sfide e i casi d’uso. Ci soffermeremo anche a confrontare la frammentazione dei contenuti e la frammentazione dei media.

Analizzeremo come i giganti dei media, come Netflix, utilizzano la frammentazione dei contenuti nelle loro strategie di streaming online. Per concludere, vi lasciamo con alcune previsioni su come la frammentazione dei contenuti potrebbe influenzare il settore dello streaming OTT in futuro.

Indice dei contenuti

  • Che cos’è la frammentazione dei contenuti?
  • Frammentazione dei contenuti e frammentazione dei media
  • Pro e contro della frammentazione dei contenuti
  • Le potenziali sfide della frammentazione dei contenuti
  • Come Netflix utilizza la frammentazione dei contenuti
  • Frammentazione dei contenuti e futuro dello streaming OTT
  • Pensieri finali

Che cos’è la frammentazione dei contenuti?

Che cos'è la frammentazione dei contenuti
La frammentazione dei contenuti è sempre più diffusa.

La frammentazione dei contenuti è una strategia di distribuzione dei media che si concentra sulla distribuzione di raccolte di contenuti destinate a un pubblico mirato.

In termini di streaming OTT significa offrire diversi tipi di contenuti video su diverse piattaforme o dispositivi di streaming. Tuttavia, la frammentazione dei contenuti potrebbe essere applicata a diversi tipi di media, come lo streaming musicale, i podcast, gli eBook, gli articoli e così via.

Lo scopo è quello di creare una varietà di piattaforme focalizzate su un tipo specifico di contenuti video, per dare agli utenti esattamente ciò che cercano. Di conseguenza, i contenuti video online sono ora distribuiti su diverse piattaforme di streaming video.

L’ascesa della frammentazione dei contenuti

Al fine di comprendere l’importanza della frammentazione dei contenuti nello streaming OTTè importante fare un passo indietro e riflettere sui principali sviluppi della distribuzione dei media nell’ultimo decennio.

In passato, le serie televisive e i film erano di proprietà e finanziati da poche società di produzione e distribuzione, come Universal Pictures, Paramount Pictures, MGM e Sony. Senza un legame con questi e pochi altri “fuoriclasse”, la maggior parte dei registi indipendenti non aveva alcuna possibilità.

Tuttavia, da quando lo streaming video online è cresciuto in popolarità, abbiamo assistito alla crescita di aziende di distribuzione di media che in precedenza non erano attori di rilievo nel settore. Queste includono Netflix, Hulu e Prime Video.

Man mano che queste piattaforme di streaming sono cresciute, hanno creato società di produzione proprie che hanno permesso loro di produrre serie e film originali.

Netflix, ad esempio, ha iniziato a produrre contenuti originali nel 2013, pubblicando meno di 10 titoli nei due anni successivi. Meno di dieci anni dopo, l’azienda pubblica ogni anno centinaia di titoli originali che vanno in onda esclusivamente sulla piattaforma Netflix.

Altre piattaforme, grandi e piccole, stanno seguendo l’esempio. La creazione di piattaforme e servizi di streaming OTT è diventata più facile che mai grazie all’accessibilità di piattaforme professionali di video online, come Dacast. Con la frammentazione dei contenuti, tutti possono avere una fetta della torta.

Frammentazione dei contenuti e frammentazione dei media

Poiché la frammentazione dei contenuti sta ancora crescendo in popolarità, il gergo che la circonda può sembrare un po’ confuso. Termini come “frammentazione dei media” o “frammentazione centrata sui media” sono strettamente correlati alla frammentazione dei contenuti.

Tutti questi termini rientrano nell’ambito della frammentazione del pubblico. In termini di distribuzione dei media, la frammentazione dell’audience significa semplicemente dividere strategicamente il pubblico inviandolo a piattaforme diverse.

La frammentazione dei media è un tipo di frammentazione dell’audience che si concentra sul raggruppamento di collezioni di contenuti in base al tipo di media, ad esempio Tecnologia di streaming OTT, streaming via cavo, streaming radiofonico e così via. La frammentazione dei contenuti di streaming OTT rientra in questa categoria.

Anche la frammentazione centrata sull’utente è rilevante in questo caso. Si riferisce a raccolte di contenuti curate da algoritmi in risposta al comportamento dell’utente. I principali servizi di streaming utilizzano questa funzione per suggerire titoli ai propri utenti, in modo da esporli a un maggior numero di contenuti della loro collezione. Netflix e YouTube hanno due degli algoritmi più impressionanti quando si tratta di suggerire contenuti video pertinenti.

Pro e contro della frammentazione dei contenuti

frammentazione dei media
La frammentazione dei contenuti presenta numerosi pro e contro.

Come la maggior parte delle cose, la frammentazione dei contenuti comporta una serie di vantaggi e svantaggi. Valutiamo i pro e i contro di questa tecnica di distribuzione dei media.

I professionisti della frammentazione dei contenuti

La frammentazione dei contenuti presenta diversi vantaggi. Per cominciare, consente agli utenti di accedere ai contenuti che più gradiscono e alle emittenti di attingere a sacche di spettatori di nicchia.

L’esperienza di visione sembra quasi personalizzata quando uno spettatore apre la sua piattaforma di streaming preferita e trova una raccolta di contenuti quasi interamente in linea con le sue preferenze e i suoi interessi.

Le emittenti che utilizzano la frammentazione dei contenuti possono costruire un pubblico fedele e comunità intorno ai loro marchi. Le comunità online fedeli spesso fungono da base per i marchi che possono essere sfruttati e monetizzato in un’ampia varietà di modi.

Poiché la frammentazione dei contenuti si rivolge a un pubblico molto specifico, comporta un ulteriore vantaggio per le emittenti che desiderano monetizzare i propri video attraverso pubblicità e sponsorizzazioni. L’accesso a un mercato altamente mirato è molto prezioso per i marchi che vogliono pubblicizzare i loro prodotti.

Ad esempio, se una piattaforma di streaming OTT si concentra su documentari e serie sui viaggi e l’avventura, i marchi del settore dei viaggi trarrebbero enormi vantaggi dalla pubblicità su quella piattaforma. Poiché il potenziale ritorno sull’investimento è così elevato per questi annunci altamente mirati, le emittenti che possiedono e gestiscono la piattaforma possono applicare una tariffa pubblicitaria premium.

Contro la frammentazione dei contenuti

La frammentazione dei contenuti ha un aspetto negativo. Quando la distribuzione di video streaming online si concentra su settori, nicchie e marchi unici, nasce un numero infinito di servizi di streaming OTT.

Pensiamo allo sport, ad esempio. Abbiamo iniziato con ESPN+ come servizio di streaming sportivo onnicomprensivo. Tuttavia, non tutti i campionati o le conferenze sportive rendono disponibili le loro partite su questa piattaforma. È qui che entrano in gioco servizi specifici per lo sport come MLB.tv.

In futuro, specifiche franchigie sportive potrebbero lanciare le proprie piattaforme di streaming per monetizzare le visualizzazioni dei propri fan e trarre vantaggio dalla possibilità di rendere i propri contenuti più esclusivi. Con 30 squadre di MLB e 120 di MiLB, il numero di piattaforme potrebbe diventare eccessivo in breve tempo. Tuttavia, è così che funziona la frammentazione dei contenuti.

Per le emittenti e le società di distribuzione dei media, questo crea molta concorrenza e, francamente, molto rumore. Per gli spettatori, questo può richiedere abbonamenti a diversi servizi di streaming OTT che possono diventare costosi. Questo crea anche un problema per gli spettatori che hanno interessi diversi, perché può essere difficile tenere traccia di dove trovare i programmi e i film preferiti.

Il settore dello streaming video continuerà probabilmente a crescere in direzione dell’iper-frammentazione finché i consumatori continueranno a sborsare denaro per ulteriori servizi di streaming.

Un altro aspetto negativo della frammentazione dei contenuti è che può causare polarizzazione ed estremismo. Quando i gruppi di persone sono esposti a un solo tipo di contenuto, si possono formare pregiudizi e le opinioni si restringono. Questo può contribuire a creare problemi sociali e divisioni sociali.

Le potenziali sfide della frammentazione dei contenuti

Oltre agli svantaggi già citati, ci sono alcune potenziali sfide che le emittenti dovrebbero tenere presenti quando creano e implementano una strategia di frammentazione dei contenuti.

Innanzitutto, la frammentazione dei contenuti può portare a un aumento del rischio di pirateria. La stanchezza da abbonamento può indurre gli spettatori a prendere misure disperate per vedere i loro spettacoli e film preferiti. Piuttosto che pagare un abbonamento, gli utenti ricorrono a siti bootleg e ad altre forme illegali di condivisione dei media.

La frammentazione dei contenuti video OTT contribuisce anche a un interessante fenomeno noto come “economia dell’attenzione”. Fondamentalmente, i consumatori dispongono di una quantità limitata di attenzione, determinata da tempo, interesse e risorse.

Con più piattaforme di streaming sul mercato e più contenuti tra cui scegliere, le aziende del settore dei media sono costrette a competere per ottenere l’attenzione dei consumatori. Con i consumatori che sono spinti in così tante direzioni, sarà difficile per le piattaforme di streaming di nicchia diventare grandi come Netflix e gli altri grandi operatori.

Come Netflix utilizza la frammentazione dei contenuti

netflix ott
Netflix è un noto utilizzatore della frammentazione dei contenuti.

Netflix ha fatto da modello per molti servizi di streaming OTT. Come abbiamo già detto, Netflix è stato uno dei primi servizi di streaming OTT, nonché uno dei primi servizi di streaming a produrre contenuti originali.

Detto questo, è logico che Netflix sia stata all’avanguardia negli sviluppi della frammentazione dei contenuti per lo streaming video online.

Come abbiamo detto in precedenza, Netflix ha sviluppato un algoritmo che ha fatto miracoli nell’ambito della frammentazione centrata sull’utente. Sebbene il servizio di streaming disponga di oltre 15.000 titoli, tra cui 1.500 titoli originali, l’algoritmo valuta il comportamento degli utenti per suggerire loro altri film o serie che potrebbero gradire di più.

Anche se Netflix dispone di migliaia di titoli, la piattaforma può creare un’esperienza per gli utenti incentrata sulle loro preferenze specifiche.

Prima abbiamo accennato al fatto che la pirateria è diventata un problema con l’aumento della frammentazione dei contenuti. Sebbene non si tratti tecnicamente di pirateria, anche la condivisione delle password è diventata un problema importante. Una persona paga un abbonamento e condivide i dati di accesso con amici e familiari per consentire loro di accedere.

Questo ha costretto Netflix a testare processi di verifica dell’accesso migliorati come parte di uno sforzo per di reprimere la condivisione delle password. Finora è stato testato solo su alcuni utenti, quindi sarà interessante vedere se Netflix e altre piattaforme di streaming OTT implementeranno pienamente protocolli simili in futuro.

Frammentazione dei contenuti e futuro dello streaming OTT

A questo punto, l’effetto a lungo termine della frammentazione dei contenuti è piuttosto imprevedibile. Le cose potrebbero andare in tanti modi. Potrebbe contribuire a livellare il campo di gioco tra le aziende di distribuzione dei media più piccole e quelle più grandi, oppure potrebbe distribuire le entrate in modo così sottile che le aziende più piccole potrebbero non avere una vera possibilità.

Esiste la possibilità che la frammentazione dei contenuti sostituisca l’aggregazione dei contenuti. Nel caso in cui non lo sappiate, l’aggregazione dei contenuti è una strategia che prevede di riunire i media provenienti da fonti diverse per servirli su un’unica piattaforma.

La frammentazione dei contenuti ha già portato al bundling degli abbonamenti, che ci riporta a una situazione simile all’acquisto dell’accesso a diversi canali via cavo. Infatti, molti fornitori di televisione includono l’accesso a diverse piattaforme di streaming OTT come parte dei loro pacchetti.

Hulu, ESPN+ e Disney+ offrono già un pacchetto di abbonamenti popolari, e probabilmente altre grandi aziende del settore dei media ne seguiranno l’esempio.

Pensieri finali

Nonostante le sfide che può porre, la frammentazione dei contenuti è una tecnica preziosa per le emittenti che cercano di raggiungere un pubblico di nicchia. Anche se presenta alcune sfide potenziali, questo metodo di distribuzione dei media ha un grande valore sia per le emittenti che per gli spettatori.

Se state cercando una piattaforma video online per realizzare la vostra strategia di frammentazione dei contenuti, vi consigliamo di provare Dacast. Potete provare tutte le nostre funzioni con una prova gratuita di 14 giorni.

La nostra soluzione di streaming OTT include un lettore video facile da incorporare che può essere aggiunto a qualsiasi sito o app. Offriamo inoltre supporto per la monetizzazione dei video, lo streaming white-label, la sicurezza video affidabile e altro ancora.

Create un account Dacast oggi stesso per iniziare la vostra prova gratuita. Non è richiesta alcuna carta di credito o contratto vincolante.

Iniziare gratuitamente

Per i regolari consigli per lo streaming dal vivo e offerte esclusive, potete unirvi al nostro gruppo LinkedIn .

Emily Krings

Emily is a strategic content writer and story teller. She specializes in helping businesses create blog content that connects with their audience.