Che cos’è la latenza video? La guida definitiva per le emittenti

video latency

La latenza video è un aspetto importante dello streaming live su Internet. Si tratta di una misura tecnica che influisce sull’esperienza di visione dello streaming.

Ci sono diversi componenti tecnici che contribuiscono alla latenza video, quindi la latenza del vostro streaming dipenderà dalla potenza della vostra configurazione di streaming.

In questo post risponderemo a tutte le vostre domande sulla latenza video. Inizieremo discutendo di cosa sia la latenza video nel contesto del streaming live prima di esaminare alcuni aspetti tecnici. Determineremo cosa influisce sulla latenza video e come controllare la latenza dei vostri flussi.

Indice dei contenuti

  • Che cos’è la latenza video?
  • Perché la latenza è importante?
  • Cosa influisce sulla latenza video?
  • Che cos’è la latenza media di un video?
  • Come calcolare la latenza video
  • Come ridurre la latenza durante lo streaming
  • Come ridurre la latenza del codificatore
  • Metriche di streaming correlate
  • Latenza video su Dacast
  • Pensieri finali

Che cos’è la latenza video?

Cos'è la latenza video
La latenza video è un fattore importante per le emittenti.

La latenza video è la misura del tempo che impiega un segnale video a spostarsi dalla sorgente che cattura il video al lettore video rivolto all’utente. lettore video. La latenza dipende da diversi fattori tecnici, per cui varia a seconda della sito web in streaming che si ha.

Questo non va confuso con il “ritardo”, che è l’intervallo di tempo intenzionale tra l’acquisizione e la messa in onda di un video. Questo viene utilizzato per sincronizzare le fonti di streaming e dare ai produttori il tempo di implementare gli elementi cinematografici.

La latenza video è meno intenzionale e più un sottoprodotto della configurazione tecnica dello streaming. L’unica cosa che si può fare è cercare di ridurlo il più possibile mantenendo la qualità dello streaming per offrire agli spettatori un’esperienza di visione in tempo reale.

Perché la latenza è importante?

La latenza è molto importante per le emittenti perché, in molti casi, influisce sull’esperienza dell’utente. Questo è particolarmente vero per eventi in live streaming che traggono vantaggio dalla sensazione di realismo.

Supponiamo che stiate trasmettendo in streaming una cerimonia di laurea. Il momento in cui ogni studente attraversa il palcoscenico segna un’importante pietra miliare per quello studente e per la sua famiglia. Le persone care che guardano lo streaming da casa credono di vivere quel momento speciale in tempo reale, o almeno di esserci vicini. Se il vostro pubblico sa che il vostro flusso è in ritardo, la connessione sembra meno reale.

Molti professionisti dello streaming sostengono che un’elevata latenza sia dannosa per il risultato di uno streaming, in quanto maggiore è la latenza, minore sarà la resa del flusso.

Anche la latenza è un fattore importante per le videoconferenze. Piattaforme come Zoom e Google Meets supportano la latenza in tempo reale, consentendo alle persone di avere conversazioni digitali che imitano le interazioni faccia a faccia. Senza latenza in tempo reale, le chat video non sarebbero possibili.

Ma se state trasmettendo un evento in cui volete che gli spettatori vedano ciò che sta accadendo in tempo reale, dovete cercare di ridurre la latenza il più possibile.

Cosa influisce sulla latenza video?

Diverse parti di una configurazione di live streaming contribuiscono alla latenza. Tutto, dalla rete Internet all’host del video in diretta, è causa di latenza.

Detto questo, esaminiamo alcuni fattori che contribuiscono alla latenza video.

Connessione a Internet

Una connessione Internet veloce e affidabile è indispensabile per lo streaming in diretta. Quando la connessione a Internet non è all’altezza, la latenza dei video aumenta. La velocità della rete Internet influisce direttamente sulla latenza dello streaming.

La velocità di Internet suggerita è il doppio della larghezza di banda per il flusso video, quindi i video a risoluzione più elevata richiedono una connessione Internet più veloce per mantenere bassa la latenza.

È possibile verificare la velocità di Internet cercando “Internet speed test” su Google e facendo clic su “Run Speed Test” nel primo risultato.

Si consiglia di utilizzare una connessione Ethernet per ottenere l’internet più veloce e affidabile. Il WiFi e i dati cellulari possono essere utilizzati come opzioni di backup, ma la scelta preferita è l’Ethernet. Indipendentemente dall’opzione scelta, è necessario eseguire un test di velocità prima dello streaming per assicurarsi che sia tutto a posto.

Uno dei motivi è che i cavi Ethernet hanno una latenza molto più bassa di quella offerta dal WiFi. Questa riduzione della latenza può avere un grande impatto sulla latenza complessiva del video.

Impostazioni dell’encoder

Con lo streaming online, un video deve essere codificato, trasportato e decodificato. È qui che si verifica gran parte della latenza, quindi è importante che le impostazioni dell’encoder siano impostate e configurate correttamente per ottimizzare questo processo.

Sebbene non esista una combinazione magica di impostazioni del codificatore che funzioni per lo streaming a bassa latenza, è importante verificare con l’host di streaming video prescelto quali impostazioni richiede o raccomanda.

Dacast, ad esempio, richiede che le emittenti utilizzino un codec H.264 o x264, una frequenza di fotogrammi di 25 o 30, un intervallo di fotogrammi di 2 secondi e una scansione progressiva. Per avere un’idea più precisa delle impostazioni ottimali dell’encoder per ridurre la latenza video, vi consigliamo di consultare la nostra guida completa a configurazioni di impostazione dell’encoder .

Protocolli video

I protocolli video svolgono un ruolo importante nella latenza. I diversi protocolli di streaming sono in grado di trasmettere con diverse quantità di latenza.

Attualmente, il protocollo ottimale per lo streaming a bassa latenza è HTTPS Live Streaming (HLS) per la consegna e protocollo di messaggistica in tempo reale (RTMP) per l’ingestione. HLS è il protocollo più ampiamente supportato per lo streaming, poiché è compatibile con il lettore video HTML5. Tuttavia, il L’ingresso RTMP riduce significativamente la latenza.

La consegna HLS con ingest HLS è possibile, ma non supporta lo streaming a bassa latenza come la combinazione consegna HLS/ingest RTMP.

Trasporto sicuro e affidabile (SRT) è un innovativo protocollo di streaming video di Haivision. Questo protocollo è noto per lo streaming sicuro e a bassa latenza. Sfortunatamente, l’SRT è relativamente nuovo, quindi la maggior parte delle moderne piattaforme di live streaming e la relativa tecnologia non sono ancora state integrate con lo streaming SRT. Tuttavia, una volta che questo protocollo sarà più ampiamente supportato, ridurrà la latenza video su tutta la linea.

Un’altra tecnologia più recente, creata per ridurre la latenza video, è la WebRTC . WebRTC è un progetto di streaming open-source che è stato progettato per consentire lo streaming con latenza in tempo reale. È stato progettato appositamente per le videoconferenze. Questo progetto è attualmente utilizzato dalle principali piattaforme di videoconferenza, ma potrebbe aiutare anche le piattaforme di streaming video in diretta a ridurre la loro latenza.

Che cos’è la latenza media di un video?

La latenza media per un flusso video online è di sei secondi che è considerata una bassa latenza.

Detto questo, ecco una suddivisione di alcune categorie comuni di latenza.

Tipo di latenzaQuantità di latenza
Latenza di trasmissione standard5-18 secondi
Bassa latenza1-5 secondi
Latenza ultrabassaMeno di 1 secondo
Latenza in tempo reale Impercettibile per gli utenti

Sia la televisione tradizionale che alcuni streaming OTT rientrano nella categoria della latenza di trasmissione standard. La televisione tradizionale è spesso più vicina ai 18 secondi e lo streaming OTT. Alcuni streaming OTT rientrano nella categoria a bassa latenza.

La latenza in tempo reale è utilizzata per le videoconferenze su piattaforme di comunicazione come Zoom, Facetime, Google Meets e altri strumenti di video chat.

Come misurare la latenza video

configurazione professionale dello streaming
Piccoli aggiornamenti possono fare una grande differenza nella qualità di uno streaming live e portare a una minore latenza.

Poiché la latenza influisce sull’esperienza degli spettatori, è importante sapere di cosa è capace la vostra configurazione di streaming.

Misurare la latenza può essere un po’ difficile. Il modo più accurato per misurare la latenza dei video è aggiungere un timestamp al video e chiedere a qualcuno di guardare il live stream. Chiedete loro di riferire l’ora esatta in cui il fotogramma con l’ora appare sul loro schermo. Sottraendo l’ora del timestamp da quella in cui lo spettatore ha visto il fotogramma, si ottiene la latenza.

Se non si sa come timestampare il proprio stream, si può anche chiedere a qualcuno di guardare il proprio stream e dirgli di registrare quando arriva uno spunto specifico. Prendete l’ora in cui è stato eseguito lo spunto e sottraetela dall’ora in cui lo spunto è stato visualizzato, ottenendo così la latenza.

Il secondo metodo è meno accurato, in quanto vi è un maggiore margine di errore, ma vi darà un’idea abbastanza precisa della latenza della vostra configurazione.

Come ridurre la latenza durante lo streaming

Le emittenti possono ridurre la latenza in diversi modi. Poiché la latenza è determinata da diversi componenti, le emittenti devono adottare un approccio olistico per ridurre la latenza dei loro flussi.

Per prima cosa, è necessario assicurarsi di avere una connessione internet veloce. connessione internet veloce. Come abbiamo detto, è importante disporre di una velocità di Internet costante, pari al doppio della larghezza di banda che si intende utilizzare per lo streaming. È inoltre importante attenersi il più possibile ai cavi Ethernet. Non scegliete il WiFi o i dati se non è assolutamente necessario.

Mentre lavorate per ridurre la latenza, assicuratevi di non danneggiare la qualità del vostro streaming. Naturalmente, potrebbe esserci un compromesso tra qualità e latenza, ma assicuratevi che le configurazioni del vostro codificatore producano comunque un’immagine video nitida.

Come ridurre la latenza del codificatore

Come si può quindi ridurre la latenza a livello livello di encoder? I video vengono compressi utilizzando tecniche basate sui fotogrammi o sui sub-frame, di solito “a fette”. Un flusso video è composto da singoli fotogrammi. Una cornice è un’immagine intera. Vedere il diagramma 1.

L’A-frame è composto da più slice, quindi se si può codificare per slice si può ridurre la latenza del codificatore, poiché non si deve attendere l’intero frame prima di trasmettere le informazioni.

Questi codificatori hanno latenze inferiori a un fotogramma, alcuni addirittura di 10-30 millisecondi. Un codificatore basato su frame ha in genere una latenza di circa 100-200 millisecondi.

ridurre la latenza
Diagramma 1 – Struttura dell’immagine

È inoltre possibile ridurre la latenza eliminando i frame bidirezionali. I fotogrammi B devono attendere un fotogramma futuro per comprimere il video. Questo aumenta l’efficienza del codificatore, ma aumenta anche la latenza.

Se si eliminano i fotogrammi B, si deve aumentare la velocità di trasmissione per ottenere lo stesso livello di qualità video, un prezzo che molti sono disposti a pagare per ridurre la latenza.

Cosa c'è da sapere sulla latenza video di Niagara Video
Schema 2 – Tipi di cornici

Metriche di streaming correlate

Il throughput e la larghezza di banda sono due componenti tecniche dello streaming live che vanno di pari passo con la latenza. Abbiamo accennato brevemente a ciascuna di queste metriche nel corso di questo post, ma per capire la loro relazione a livello più tecnico è meglio confrontarle una accanto all’altra.

Per rinfrescare la memoria, la larghezza di banda è la misura dei dati trasferiti nel flusso video, mentre il throughput è la quantità di dati trasferiti in un determinato lasso di tempo.

Quando si considera la relazione tra latenza, velocità e larghezza di banda si possono immaginare le automobili che viaggiano attraverso un tunnel. Possono passare solo un numero limitato di auto alla volta senza causare ingorghi.

In questo scenario, la larghezza di banda è la larghezza del tunnel, il throughput è il numero di auto che lo attraversano e la latenza è il tempo che le auto impiegano per attraversarlo. Per ridurre la latenza, la configurazione dello streaming deve avere la potenza adeguata alle dimensioni del file che si sta trasmettendo.

Latenza video su Dacast

Come abbiamo detto, la latenza video ha molto a che fare con l’host di streaming video utilizzato. I flussi su Dacast hanno un latenza di soli 12-15 secondi che è considerato uno streaming a bassa latenza.

Questo livello di latenza è ottenuto grazie alla combinazione di consegna HLS e ingest RTMP. Gli utenti di Dacast possono anche utilizzare l’ingest HLS, ma la latenza non è altrettanto bassa con questo approccio.

Dacast supporta anche lo streaming di conferenze web attraverso un’integrazione con Zoom per uno streaming a latenza ancora più bassa.

Visitate la nostra Knowledgebase per consultare la nostra guida dedicata a all’impostazione di un canale di streaming a bassa latenza su Dacast.

FAQ

1. Qual è una buona latenza per i video?

Una buona latenza per lo streaming video è di circa sei secondi. Qualsiasi valore inferiore è ancora migliore e tende a offrire agli spettatori un’esperienza di visione quasi in tempo reale. Detto questo, la latenza di trasmissione standard per i video varia da 5 a 18 secondi. Con Dacast è possibile raggiungere facilmente una latenza di 12-15 secondi.

2. Come posso ridurre la latenza video?

Esistono due modi principali per ridurre la latenza dei video. In primo luogo, è necessario che la velocità di Internet sia in ordine. Utilizzate una connessione Internet veloce e affidabile per garantire che il vostro streaming venga caricato rapidamente e con la migliore qualità possibile.

Inoltre, è possibile ridurre la latenza a livello di encoder accelerando il processo di codifica. In questa fase si può scegliere di mantenere la qualità o di sacrificarne una parte per una migliore latenza: la scelta è vostra.

3. Quali sono le cause della latenza video?

Il ritardo tra il trasferimento di un file video dall’origine al dispositivo dello spettatore è la causa della latenza. Il video passa attraverso un codificatore, poi viene trasmesso alla CDN, quindi dalla CDN al dispositivo dello spettatore e infine viene decodificato. Questo processo richiede una notevole quantità di tempo e causa latenza nel flusso.

4. Qual è la latenza video percepibile?

La latenza video viene notata solo quando supera i 100ms. A questo punto, si può iniziare a notare un ritardo tra l’evento reale e il livestream. Detto questo, se si è in fase di esecuzione, si potrebbe iniziare a notare la latenza già a partire da 10ms.

5. Qual è la latenza di un video?

In parole povere, la latenza video è il tempo che il video impiega per viaggiare dalla sorgente (la telecamera) alla destinazione (il dispositivo dello spettatore). Questo tempo è tipicamente rappresentato in millisecondi e può arrivare a 18 secondi per una trasmissione normale. Una latenza più bassa è auspicabile per un’esperienza di visione quasi in tempo reale.

 

Pensieri finali

Per un’emittente è importante avere una solida conoscenza della latenza. Sapere come funziona la latenza e come controllare la latenza della vostra configurazione di streaming vi darà più potere sul risultato del vostro streaming.

Siete alla ricerca di una piattaforma di streaming live a bassa latenza per lo streaming professionale? Dacast potrebbe essere l’opzione che fa per voi. La nostra piattaforma video online include una serie di funzionalità che supportano lo streaming a livello professionale, tra cui un lettore video HTML5 per tutti i dispositivi, analisi avanzate, un’API video, una piattaforma di streaming white-label, l’ ingest e la riproduzione RTMP e un’ assistenza clienti 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Potete provare Dacast senza rischi per 14 giorni con la nostra prova gratuita. Iscriviti oggi stesso per iniziare lo streaming. Non sono richieste carte di credito o contratti vincolanti.

INIZIARE GRATUITAMENTE

Per ricevere regolarmente consigli sul live streaming e offerte esclusive, potete unirvi al gruppo Dacast su LinkedIn.

Questo articolo è stato originariamente scritto da Mike Galli, CEO di Niagara Video. È stato rivisto nel 2021 da Emily Krings per includere le informazioni più aggiornate. Emily è una scrittrice e narratrice di contenuti strategici. È specializzata nell’aiutare le aziende a creare contenuti per blog in grado di entrare in contatto con il loro pubblico.

admin