H.266 Codec: Cos’è la codifica video versatile (VVC)?

I file video sono di grandi dimensioni e lo streaming su Internet sarebbe molto difficile se non fosse per i codec. I codec sono in continuo sviluppo per ottimizzare questo flusso di lavoro tecnico e il Versatile Video Coding è all’orizzonte per quanto riguarda i codec nuovi e migliorati.

In questo post, discuteremo tutto quello che c’è da sapere su H.266 e Versatile Video Coding (VCC). Discuteremo di cosa sia questo codec video e a cosa serva. Da qui, si analizzeranno i vantaggi dello streaming con un codec H.266 o VVC e parleremo del suo ruolo attuale nel settore del video online. Verranno inoltre discussi altri codec di streaming codec per lo streaming video.

Per iniziare, vediamo rapidamente le basi della codifica e dei codec. Esploreremo il futuro della codifica video con il VVC e uno dei codec video più comuni, H.266.

Indice dei contenuti

  • Che cos’è la codifica video?
  • Che cos’è un codec?
  • Che cos’è l’H.266 o Versatile Video Coding (VVC)?
  • Usi della VVC
  • Vantaggi dello streaming con VVC
  • Il codec standard è H.266 o VVC?
  • Compressione losslessa vs. lossy
  • Altri codec video comuni
  • H.266 Video: Prospettive future
  • Pensieri finali

Che cos’è la codifica video?

codifica video

La codifica video è una parte essenziale del processo di live streaming.

Prima di immergerci nell’H.266 o Versatile Video Coding, prepariamo la scena esaminando la codifica.

La codifica è il processo di conversione di un video da un formato di file a un altro. In genere, viene utilizzato per convertire i file video RAW acquisiti dalla fotocamera in file digitali. fotocamera in file digitali che possono essere digitali che possono essere trasmessi in streaming su Internet.

Il processo di codifica richiede l’uso di un codificatore, che si presenta sotto forma di hardware e software. hardware e software. I codificatori hardware sono dispositivi dedicati che hanno come unico scopo la codifica. Sono veloci e affidabili, ma anche ingombranti e costosi.

Codificatori software sono programmi eseguiti sul computer. Le attuali opzioni di codifica software sono potenti quasi quanto gli encoder hardware, ma il loro prezzo parte da una frazione di quello. In alcuni casi sono gratuiti.

Uno dei principali vantaggi dei codificatori software rispetto ai codificatori hardware è che il software può essere aggiornato regolarmente con l’uscita di nuove versioni senza richiedere ulteriori acquisti. I codificatori hardware, invece, non possono essere aggiornati se non acquistando un modello più recente.

La codifica non va confusa con la transcodifica, che si riferisce alla creazione di copie duplicate, o rese, di un video in dimensioni diverse. Lo scopo della transcodifica video è quello di fornire una certa flessibilità per gli spettatori con diverse velocità di Internet in modo che tutti possano accedere streaming HD senza rallentamenti o buffering.

Che cos’è la codifica video? Si tratta del processo di acquisizione dei file video RAW e della loro conversione in file digitali che possono essere facilmente condivisi su Internet.

Che cos’è un codec?

Codec video

I codec vengono utilizzati per comprimere i file video e facilitarne l’invio attraverso Internet.

Un codec è una tecnologia utilizzata per la codifica e la decodifica. La parola “codec” deriva da “coder-decoder”. In pratica, questa tecnologia viene utilizzata per condensare pezzi di dati per facilitarne il trasporto e riportarli a dimensioni normali una volta giunti a destinazione.

Esistono diversi tipi di codec per l’elaborazione di diversi tipi di media, ma in questo post ci occuperemo di codec per lo streaming video che vengono utilizzati per lo streaming in diretta.

Che cos’è l’H.266 o Versatile Video Coding (VVC)?

Il Versatile Video Coding è uno degli standard di compressione video emergenti, noto anche come VVC e H.266. Il codec VVC è un codec ibrido basato su blocchi, il che lo rende molto complesso e molto capace.

Questo standard è stato creato dal Gruppo congiunto di esperti video (JVET) dell’UIT. Questo team ha deciso di creare un codec di nuova generazione in grado di supportare il futuro dello streaming video.

JVET ha iniziato a lavorare sui codec video H.266 nell’autunno del 2017 e ha completato lo standard finale nel luglio 2020. Anche se la VVC è stata finalizzata da quasi un anno, non è ancora comunemente utilizzata. La codifica video versatile è tecnicamente molto complessa e la maggior parte degli hardware per lo streaming non è ancora in grado di utilizzare questo codec.

VVC è stata creata per lavorare con la tecnologia in via di sviluppo per qualsiasi tipo di streaming, da 4K a 16K. Per mettere le cose in prospettiva, streaming 4K è la migliore qualità che la maggior parte delle tecnologie esistenti è in grado di gestire al momento. Alcune tecnologie di streaming sono in grado di effettuare lo streaming a 5K, e alcune telecamere per lo streaming possono acquisire video in 6K. Lo streaming a 16K è sicuramente una visione futuristica a questo punto.

È inoltre importante notare che esistono alcune incertezze sulla concessione di licenze per i codec VVC. A questo punto, non è chiaro come un’azienda debba procedere per incorporare la VVC nel proprio programma.

VVC è un nuovo standard per la compressione e la condivisione di file video RAW in standard di alta qualità come il 4K.

Usi della VVC

In generale, il codec VVC viene utilizzato per codifica video. Tuttavia, ha diversi altri casi d’uso specifici, tra cui le videoconferenze e lo streaming OTT. streaming OTT. Lo scopo principale è quello di rendere questi tipi di streaming a risoluzione 4K.

Videoconferenze e streaming OTT sono entrambi più importanti che mai, soprattutto alla luce dei grandi cambiamenti culturali che abbiamo visto nell’ultimo anno in risposta alla pandemia COVID-19. Quando il mondo si è chiuso per rallentare la diffusione del virus, le operazioni commerciali, l’istruzione e altre attività quotidiane si sono spostate online. Le videoconferenze lo hanno reso possibile. Le tendenze dello streaming OTT dimostrano che la visione di spettacoli e film su smart TV tramite trasmissione OTT è diventata anch’essa più popolare in questo periodo.

Il VVC può essere utilizzato anche per lo streaming a 360, il che è piuttosto rivoluzionario. Lo streaming 360, noto anche come streaming video immersivo offre un’esperienza di visione più realistica. Questo tipo di streaming sta diventando sempre più popolare nel mondo degli affari, poiché consente di connettersi con il pubblico a un livello superiore.

A cosa possono servire H.266 o VVC? Può essere utilizzato anche per lo streaming 4K e lo streaming 360.

Vantaggi dello streaming con VVC

Il principale vantaggio dello streaming con codifica VVC o H.266 è la possibilità di trasmettere in 4K. Tuttavia, non è esclusivamente per lo streaming 4K. Come suggerisce il nome, il codec VVC è molto versatile. Può supportare qualsiasi tipo di video, da quelli a bassissima a quelli ad altissima risoluzione.

Un altro grande vantaggio della codifica VVC è che è in grado di comprimere i dati in modo molto più efficiente rispetto agli altri principali codec. Questo è ciò che lo aiuta a elaborare file così grandi.

C’è anche l’idea che la codifica VVC possa fornire benefici che vanno oltre lo streaming video online. streaming video online. In particolare, sono stati fatti commenti sul suo potenziale valore per l’industria del gioco online. Potrebbe velocizzare i videogiochi e rendere più efficace il gioco collaborativo.

Il codec VVC è ottimo per lo streaming in 4K e per i videogiochi online.

Il codec standard è H.266 o VVC?

H.266 o VVC non è ancora il codec standard per lo streaming video. In effetti, non è nemmeno compatibile con molte delle principali piattaforme di piattaforme di live streaming e altre tecnologie al momento.

Alcuni leader del settore prevedono che alla fine questo sarà il codec standard per lo streaming video, in quanto fornisce un supporto che gli altri codec non hanno, ma forse siamo ancora lontani da questo traguardo. Non può diventare lo standard finché le altre tecnologie di streaming video non lo raggiungeranno.

Che cos’è il VCC? VVC è il futuro dei codec di streaming video.

Compressione losslessa vs. lossy

A proposito di codec video, è importante notare la differenza tra compressione lossless e lossy. La compressione lossless e lossy riducono entrambe le dimensioni dei file. La differenza è che la compressione con perdita produce file più compatti rispetto alla compressione senza perdita.

La compressione con perdita di dati può rimuovere alcuni dettagli che potrebbero influire sulla qualità del video e dell’immagine. D’altra parte, la compressione senza perdita conserva tutti i dati originali, quindi i video e le immagini hanno la stessa qualità.

La compressione lossy è comune per lo streaming video, mentre la compressione lossless è più utilizzata per il trasporto di testi e foto.

VCC, ad esempio, utilizza la compressione con perdita.

Altri codec video comuni

Esistono decine di altri codec video, ma solo alcuni sono comunemente utilizzati. Vediamo un paio di altri codec video comuni.

H.264

h.264 Codifica video avanzata (AVC)

Esiste una varietà di altri codec video utilizzati dalle emittenti, tra cui H.264 è lo standard.

Che cos’è H.264? H.264, noto anche come “Advanced Video Coding” e “AVC”, è un codec video. Viene utilizzato per registrare, comprimere e distribuire contenuti video su Internet. Attualmente è utilizzato dalla stragrande maggioranza delle emittenti, poiché è altamente compatibile con la tecnologia di streaming esistente. Questa tecnologia esiste dal 2003.

Il codec H.264 è in grado di trasmettere fino a 8K e supporta sia la codifica lossy che lossless.

In questo momento, H.264 è il codec principale che Dacast supporta. Dacast supporta anche supporta x264 che esegue solo la codifica e non la decodifica.

H.265

H.265, noto anche come “High-Efficiency Video Coding” e “HEVC”, è un altro codec. È molto simile a H.264, ma è più efficiente del 25-50% nella compressione dei dati.

H.265 è stato concesso in licenza da alcune delle più grandi aziende tecnologiche del mondo, il che lo rende abbastanza compatibile con la tecnologia esistente.

H.266 Video: Prospettive future

Il video H.266 offre miglioramenti significativi nell’efficienza di compressione e codifica, il che significa che può fornire la stessa qualità video a una velocità di trasmissione inferiore.

Con H.266, è possibile trasmettere video 4K e 8K a dispositivi con processori meno potenti e meno larghezza di banda disponibile. L’efficienza di compressione migliorata del VVC lo renderà anche più fattibile per le applicazioni di realtà virtuale e di realtà aumentata.

L’H.266 può essere utilizzato anche per migliorare la qualità delle applicazioni video esistenti, come i webinar e i giochi online.

Sebbene l’H.266 o VVC sia relativamente nuovo, sta guadagnando terreno nel settore video. Poiché un numero sempre maggiore di dispositivi e software inizia a supportare il VVC, è probabile che nei prossimi anni diventi lo standard di compressione video dominante.

Impostazioni di codifica per lo streaming con Dacast

software per encoder

Le impostazioni del software di codifica sono molto importanti per qualsiasi configurazione di streaming.

Come configurare le impostazioni del codificatore gioca un ruolo importante nel determinare i risultati della trasmissione. Alcune configurazioni funzionano meglio di altre e la scelta del codec video giusto è solo l’inizio.

Ecco un elenco completo delle impostazioni del codificatore che si consiglia di utilizzare per la configurazione di configurazione per lo streaming dal vivo se volete assicurarvi che la vostra trasmissione Dacast funzioni senza problemi:

 

CODEC VIDEOH.264 (x264 può funzionare)
TASSO DI TELAIO25 o 30
INTERVALLO DI KEYFRAME2 secondi (o frequenza fotogrammi 2x)
SCANSIONEProgressivo
CONTROLLO DELLA TASSACostante (CBR)
CODEC AUDIOAAC-LC
BITRATO AUDIO128 kbps
CANALI AUDIO2 (stereo)
FREQUENZA DI CAMPIONAMENTO AUDIO48 kHz (48.000 Hz)

Impostazioni di risoluzione e bitrate

Oltre alle impostazioni menzionate in precedenza, le impostazioni del vostro impostazioni dell’encoder possono essere manipolate per ottenere la risoluzione e il bitrate bitrate video.

Ecco le combinazioni per ottenere l’ultra-bassa definizione, la bassa definizione, la definizione standard, l’alta definizione e la piena alta definizione.

 

ULDLDSDHDFHD
NomeDefinizione ultrabassaBassa definizioneDefinizione standardAlta definizioneAlta definizione completa
Bitrate video (kbps)350350 – 800800 – 12001200 – 19001900 – 4500
Risoluzione Larghezza (px)42664085412801920
Risoluzione Altezza (px)2403604807201080
H.264 ProfiloPrincipalePrincipaleAltoAltoAlto

Domande frequenti

1. Che cos’è il formato video H.266?

H.266, noto anche come Versatile Video Coding, è uno standard di compressione video sviluppato dal Joint Video Experts Team. È stato progettato per comprimere i file video mantenendo un’elevata qualità video in modo efficiente.

Il formato video H.266 consente di godere di video di alta qualità utilizzando meno spazio di archiviazione o trasmettendoli in modo più efficiente su Internet.

2. Qual è la differenza tra H.265 e H.266?

H.266 è più efficiente nella compressione dei file video e offre una qualità video migliore a parità di bit rate rispetto a H.265. Utilizza inoltre algoritmi e tecniche più complessi rispetto a H.265. Tuttavia, l’H.266 richiede maggiori risorse computazionali per la codifica e la decodifica rispetto all’H.265.

3. L’H.266 è open-source?

Sì, H.266 è open-source. È possibile scaricare gratuitamente il software di riferimento per H.266 dal sito Web dell’ITU-T.

Il Media Coding Industry Forum o MC-IF è una risorsa preziosa per le aziende interessate a implementare il VCC o altri standard di codifica dei media.

4. Quali sono le caratteristiche di H.266?

Alcune delle caratteristiche principali di H.266 sono:

  • L’H.266 può fornire la stessa qualità video con un bitrate inferiore.
  • H.266 può supportare risoluzioni fino a 8K e frame rate fino a 120fps.
  • Supporta l’HDR, che offre una gamma di colori e contrasti più ampia rispetto ai video standard.
  • H.266 è più resistente agli errori ed è meno probabile che soffra di distorsioni visive.

5. VLC può riprodurre video H.266?

VLC non supporta ancora la riproduzione di video VVC all’interno di MP4 perché il demultiplexer MP4 sembra non gestire ancora questo formato video.

Pensieri finali

L’H.266 o Versatile Video Coding è molto potente e piuttosto utile, ma è ancora in fase di crescita poiché la compatibilità e il supporto per questo codec non sono ancora molto diffusi. Tuttavia, ci aspettiamo di vederne di più in futuro.

Siete pronti a sfruttare lo streaming video per la vostra azienda o organizzazione? Dacast è un’ottima opzione per l’hosting di video professionali in diretta e su richiesta. video professionale.

La nostra piattaforma include diversi strumenti potenti per le emittenti, tra cui l’affidabile consegna globale dei contenuti, accesso API, standard di sicurezza e privacy privacy e sicurezza, monetizzazione video e l’accesso a un CMS video completo CMS video. Inoltre, Dacast fornisce l’accesso ad un lettore video ultra-compatibile lettore video HTML5 che è facile da personalizzare e incorporare video in streaming.

Potete provare tutte le nostre funzioni professionali senza rischi per 14 giorni con la nostra prova gratuita. Tutto ciò che dovete fare per iniziare è creare un account Dacast gratuito oggi stesso. Non è richiesta alcuna carta di credito.

INIZIARE GRATUITAMENTE

Per offerte esclusive e suggerimenti regolari consigli per lo streaming dal vivo siete anche invitati a unirvi al nostro gruppo LinkedIn.

Cercate altre informazioni su codifica, codec e altri argomenti legati al broadcasting? Consultate la Base di conoscenza del nostro sito web. Una rapida ricerca di “codec” o “encoding” genererà una pletora di materiale da leggere per iniziare. Inoltre, sentitevi liberi di contattare il nostro team per domande specifiche; siamo qui per aiutarvi!

Emily Krings

Emily is a strategic content writer and story teller. She specializes in helping businesses create blog content that connects with their audience.