Distribuzione OTT nel cloud: cosa devono sapere le emittenti

Le emittenti odierne devono affrontare sfide enormi per la costruzione di infrastrutture di streaming video scalabili. Nel bel mezzo della pandemia, il numero di spettatori video è cresciuto in modo vertiginoso e questo afflusso di spettatori simultanei sta mettendo a dura prova i flussi di lavoro di streaming tradizionali.

L’infrastruttura di streaming in cloud, tuttavia, può offrire alle emittenti la continuità del servizio e fornire una migliore qualità dell’esperienza agli spettatori. Ecco perché molti marchi stanno passando a soluzioni di streaming video cloud OTT che offrono maggiore flessibilità ed efficienza a un prezzo più accessibile.

In primo luogo, analizzeremo come funziona lo streaming video nel cloud e cosa significa broadcasting OTT. Poi spiegheremo come la distribuzione dei media OTT può essere utilizzata per i video on demand e gli eventi dal vivo. Infine, discuteremo di come il cloud e lo streaming OTT possano combinarsi per creare un’infrastruttura di streaming più moderna.

Cominciamo.

Indice dei contenuti

  • Come funziona lo streaming in cloud
  • Che cos’è l’OTT (Over-The-Top)?
  • OTT per il VOD e lo streaming dal vivo
  • Streaming OTT basato su cloud
  • Conclusione

Come funziona lo streaming in cloud

Streaming video in cloud
Lo streaming video in cloud si basa su una rete di server sparsi in tutto il mondo.

Lo streaming video in cloud è un modo per i brand di trasmettere contenuti in streaming utilizzando una rete di server dedicati all’hosting in cloud e alla consegna di file video. Questo è in netto contrasto con l’infrastruttura di streaming tradizionale, che aveva costi iniziali elevati e una manutenzione continua complicata che non era una competenza fondamentale per la maggior parte delle aziende.

Con lo streaming on-premise o in-house, le emittenti dovevano acquistare e configurare un gruppo di server per lo streaming live per fornire i video agli spettatori. Questi compiti richiedono che il personale tecnico si occupi della manutenzione dell’hardware, ne garantisca la sicurezza e lo aggiorni in base alla crescita del pubblico. Il cloud streaming elimina la maggior parte di questi inconvenienti sfruttando le risorse di cloud computing on-demand.

La maggior parte delle piattaforme di streaming sono in grado di ingerire una varietà di file video e di di transcodifica nel cloud. Questi file vengono trasformati in formati più adatti al trasferimento agli utenti finali e ospitati su server cloud per essere pronti per la consegna.

A differenza di un data center interno, i server cloud possono essere situati in tutto il mondo. Distribuendo l’infrastruttura a livello geografico, le emittenti possono ospitare i contenuti più vicino ai loro spettatori e ridurre la latenza dei loro flussi video.

Con il cloud streaming, i brand possono eliminare la necessità di un’infrastruttura on-premise e rendere più semplice la trasmissione OTT. La transcodifica e le altre attività richiedono molte risorse, quindi la possibilità di scalare rapidamente su più server cloud rende il cloud streaming un metodo efficiente per soddisfare la domanda quando il pubblico di un marchio cresce.

Che cos’è l’OTT (Over-The-Top)?

Streaming live OTT
Lo streaming OTT consente ai marchi di fornire contenuti direttamente al proprio pubblico.

Streaming OTT (over-the-top) è un modo per i marchi di fornire video direttamente agli spettatori attraverso Internet. Questo approccio bypassa le reti mediatiche tradizionali come il cavo, le trasmissioni e la televisione satellitare, in modo che gli spettatori possano accedere ai contenuti che scelgono, quando e dove vogliono.

Mentre la trasmissione tradizionale spesso richiedeva hardware e software proprietari, lo streaming OTT può evitare i “gatekeeper” e fornire contenuti a quasi tutti i dispositivi dotati di una connessione Internet. I media OTT stanno trasformando non solo i video, ma anche i servizi audio, di messaggistica e telefonici.

I consumatori stanno abbracciando lo streaming OTT perché non sono vincolati a orari di trasmissione predeterminati e possono guardare contenuti video on demand (VOD). Questo perché i fornitori di servizi via cavo e via satellite spesso costringevano i consumatori ad acquistare determinati pacchetti di canali e li bloccavano in contratti a lungo termine difficili da rescindere.

Lo streaming OTT continua a crescere in popolarità perché i consumatori hanno un maggiore controllo sulla loro esperienza di visione a una frazione del prezzo. Vediamo più da vicino come funziona l’OTT per i marchi di oggi.

Come funziona lo streaming OTT?

L’OTT è un approccio tecnologicamente indipendente alla distribuzione di contenuti che riduce i costi ed espande il numero di spettatori. Questo perché i dispositivi compatibili con la tecnologia OTT includono laptop, smartphone, tablet, Smart TV e altro ancora.

In particolare, lo streaming OTT richiede la codifica o la transcodifica dei file video in formati adatti alla consegna. Per la maggior parte delle emittenti, ciò significa scegliere un tipo di file video e un codec compatibile con il sistema di trasmissione. Protocollo HTTP Live Streaming (HLS). Questo protocollo garantisce il trasferimento del flusso video su HTTP e funziona con i lettori video HTML5 su qualsiasi dispositivo.

I protocolli di streaming come HLS e MPEG-DASH sono progettati per trasferire in modo efficiente i file video su una connessione Internet standard. Ciò significa che i file video di grandi dimensioni vengono suddivisi in parti e i lettori video li scaricano progressivamente durante la riproduzione.

L’OTT avanzato spesso include streaming a bitrate adattivo (ABR) anche. Lo streaming ABR è un modo per le emittenti di ottimizzare ulteriormente la riproduzione video offrendo lo streaming a più piattaforme a diversi bitrate o qualità. Un lettore video adattivo è in grado di regolare automaticamente la qualità dello streaming in tempo reale in base alle condizioni della rete per eliminare il buffering o altre interruzioni.

La differenza tra fornitori e piattaforme OTT

piattaforma di streaming live on demand
Le piattaforme OTT possono essere utilizzate per il video on-demand e lo streaming live di contenuti online.

Esistono Fornitori OTT o servizi come Netflix, Amazon, Hulu o Amazon Prime. Questi fornitori OTT offrono contenuti propri e di altre aziende. Questi servizi stanno diventando sempre più popolari, dato che i consumatori continuano a “tagliare i ponti” con i media tradizionali, ma questi fornitori non sono l’ideale per la maggior parte dei marchi che vogliono trasmettere contenuti in streaming.

Piattaforme OTTTuttavia, forniscono alle emittenti tutto il necessario per trasmettere i loro contenuti direttamente agli spettatori. Questo include la capacità di ingerire e transcodificare i contenuti in modo che possano essere trasmessi via Internet a quasi tutti i dispositivi degli utenti finali. Le piattaforme OTT, quindi, sono un insieme completo di strumenti per la creazione di flussi di lavoro avanzati per lo streaming video, dalla codifica e transcodifica allo storage, registrazione live stream, riproduzione video adattiva, e altro ancora.

OTT per il VOD e lo streaming dal vivo

Quando la maggior parte delle persone sente parlare di OTT, pensa immediatamente ai fornitori di contenuti on-demand come Amazon e Netflix, ma i fornitori di soluzioni OTT possono essere utilizzati anche per gli eventi dal vivo. Inoltre, la maggior parte delle piattaforme OTT sono concepite come soluzioni complete per lo streaming video e spesso includono funzioni sia per il VOD che per lo streaming live.

Streaming VOD

piattaforma video on demand vod
I servizi di streaming VOD consentono al pubblico di accedere ai video in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo compatibile.

Lo streaming VOD offre agli spettatori il pieno controllo sui contenuti video che guardano. Nella maggior parte dei casi, i marchi offrono al proprio pubblico un catalogo di contenuti da sfogliare, scaricare e guardare. Molte piattaforme VOD offrono anche funzioni simili a quelle della TV o del DVR, come l’avanzamento rapido, il riavvolgimento e le didascalie chiuse, per migliorare l’esperienza di visione.

Le librerie VOD spesso includono spettacoli, film, webinar o altri contenuti preregistrati. È particolarmente apprezzato per Divertimento, Istruzione, e altri tipi di video che i creatori di contenuti vogliono rivedere e modificare prima di pubblicarli.

Una piattaforma OTT con Funzionalità VOD spesso include funzionalità di hosting video e di gestione dei contenuti video, come organizzazioni di librerie, playlist e strumenti di monetizzazione. Queste funzionalità consentono ai marchi di gestire e distribuire in modo efficiente i propri contenuti per generare entrate.

I software OTT più robusti dispongono solitamente di vari metodi per monetizzare l’erogazione di contenuti VOD, che comprendono abbonamenti, monetizzazione video basata sugli annunci e pay-per-view opzioni. Inoltre, deve essere presente un sistema di paywall sicuro per accettare i pagamenti e una sicurezza di livello enterprise per garantire che i contenuti del marchio rimangano al sicuro.

Streaming in diretta

Il live streaming consente alle aziende di creare esperienze uniche e interattive che si svolgono in tempo reale. La maggior parte delle piattaforme di live streaming include chat e altri strumenti di interazione con il pubblico per porre domande o fornire feedback al conduttore dell’evento.

Per questi motivi, il live streaming è spesso un ottimo modo per i brand di creare una connessione con il proprio pubblico e di creare un’atmosfera intorno ai propri contenuti. Per questo motivo il live streaming viene spesso utilizzato per trasmissione di sport in diretta, eventi aziendali, o servizi ecclesiastici virtuali.

Lo streaming dal vivo è spesso più difficile dello streaming VOD, perché qualsiasi problema potrebbe indurre gli spettatori a interrompere la visione. Le emittenti hanno bisogno di una connessione Internet affidabile e di un codificatore RTMP in grado di comprimere e preparare i file video RAW per la consegna. Se la velocità di upload della connessione non è sufficientemente alta, gli spettatori potrebbero avere problemi di qualità.

Nonostante le sfide per l’hosting di eventi live, gli spettatori sono ancora molto sensibili ai problemi di buffering e di qualità. Le emittenti avranno bisogno di un’infrastruttura di streaming in grado di fornire contenuti con pochissimo buffering o tempo di ritardo per rendere felici gli spettatori.

Oltre al VOD, molte soluzioni OTT includono funzionalità di streaming live anche. Queste caratteristiche includono la capacità di transcodificare automaticamente i flussi live per la consegna a un’ampia gamma di dispositivi e l’analisi in tempo reale per monitorare le prestazioni del flusso. La registrazione dei flussi in diretta consente ai marchi di salvare i loro eventi in diretta per eseguire backup o riprodurli in un secondo momento.

Streaming OTT basato su cloud

Piattaforma video OTT basata su cloud
Le tecnologie OTT e Cloud possono lavorare insieme per migliorare la scalabilità.

La trasmissione OTT tramite server di streaming on-premise presenta alcuni svantaggi. Questo perché le emittenti devono creare flussi di lavoro di streaming complessi con una potenza di calcolo sufficiente a fornire video agli utenti finali senza interruzioni. La scalabilità di questa infrastruttura on-premise è impegnativa, quindi molti marchi si stanno rivolgendo a flussi di lavoro in streaming basati sul cloud.

Che cos’è il cloud OTT?

Il cloud OTT combina una distribuzione video ottimizzata su Internet con la scalabilità e la flessibilità delle tecnologie cloud. Ad esempio, un piattaforma video online (OVP) può utilizzare le reti di distribuzione dei contenuti (CDN) per ridurre il carico sui server di streaming e fornire contenuti agli utenti finali in modo più efficiente.

Sfruttando CDN Le piattaforme cloud OTT possono anche ridurre la distanza che i flussi live devono percorrere per raggiungere gli spettatori, utilizzando i server edge in tutto il mondo. Questo può aiutare le emittenti a ottenere uno streaming a bassa latenza e a migliorare significativamente la qualità dell’esperienza del pubblico.

Questi flussi di lavoro di streaming cloud OTT possono anche offrire una maggiore continuità del servizio. Questo perché l’infrastruttura di streaming nel cloud può essere replicata più facilmente per garantire ridondanza e disponibilità rispetto all’infrastruttura video on-premise.

Che cos’è il Cloud Native OTT?

Mentre le piattaforme video cloud offrono una migliore scalabilità e resilienza, alcune piattaforme fanno un ulteriore passo avanti con l’OTT cloud-native. Il software cloud-native viene distribuito in un ambiente di container, dove ogni singola funzione dell’applicazione viene suddivisa in microservizi separati.

Utilizzando microservizi containerizzati, queste applicazioni cloud-native possono scalare automaticamente verso l’alto o verso il basso i singoli componenti dell’applicazione per evitare colli di bottiglia. Ciò si ottiene attraverso piattaforme di orchestrazione come Kubernetes.

Per le emittenti, ciò significa che le piattaforme video cloud-native possono ottimizzare le risorse per le attività di caricamento, transcodifica o streaming, a seconda delle necessità. Questa architettura è anche elastica, il che significa che le risorse informatiche fornite corrispondono perfettamente alla domanda corrente, il che può portare a notevoli risparmi per molte aziende.

Chi dovrebbe utilizzare le piattaforme Cloud OTT?

Piattaforma video OTT di DacastLe piattaforme OTT online sono ottime per i marchi che vogliono lanciare e scalare rapidamente le attività di streaming video. Le piattaforme basate sul cloud consentono alle aziende di concentrarsi sulla produzione di contenuti di alta qualità per il proprio pubblico senza preoccuparsi dell’hardware, delle sfide tecniche e della scalabilità dell’infrastruttura.

Le imprese possono investire in piattaforme OTT cloud con funzionalità di streaming video end-to-end e concentrare i propri sforzi sugli obiettivi aziendali principali. In questo modo, i brand possono semplicemente caricare i video sulla loro piattaforma OVP e, con poche configurazioni, fornire contenuti VOD o live streaming direttamente al loro pubblico a un prezzo accessibile.

Molte piattaforme OTT offrono inoltre ai marchi il controllo completo sulla distribuzione. Ad esempio, le emittenti possono utilizzare un lettore video white-label per personalizzare l’esperienza di visualizzazione e garantire che sia in linea con il marchio. Le API video complete consentono inoltre alle aziende di integrare contenuti video e funzionalità di streaming cloud nelle proprie applicazioni mobili, siti web e altro ancora.

In definitiva, le piattaforme di streaming video OTT sono ideali per i marchi che desiderano creare flussi di lavoro professionali per la trasmissione VOD e live senza preoccuparsi di infrastrutture on-premise o altri requisiti tecnici.

Conclusione

I consumatori di oggi vogliono avere il controllo completo sui contenuti che guardano, quindi lo streaming OTT sta diventando fondamentale per la maggior parte dei marchi. Le piattaforme di streaming video OTT basate sul cloud rendono più facile per le emittenti iniziare a lavorare e scalare la loro infrastruttura IT man mano che il loro pubblico cresce.

Dacast è una piattaforma video cloud OTT ideale per lo lo streaming video su Internet. Ecco perché la piattaforma è stata nominata migliore piattaforma per le piccole e medie imprese (SMB) nel Premi di scelta dei lettori di Streaming Media 2019.

Siete interessati a distribuire video a quasi tutti i dispositivi o al pubblico? Provate la nostra prova GRATUITA di 14 giorni per vedere se Dacast è adatto alle vostre esigenze.

INIZIARE GRATUITAMENTE

Avete domande, commenti o idee sullo streaming over-the-top? Ci piace ascoltare i nostri lettori, quindi inviate le vostre opinioni nella sezione commenti qui sotto. Vi risponderemo. Inoltre, per ricevere offerte esclusive e consigli regolari sul live streaming, potete unirvi al nostro gruppo LinkedIn.

Grazie per la lettura e, come sempre, in bocca al lupo per i vostri live stream!

Kevin Graham

Kevin is a content writer and former software developer. He focuses on producing compelling content for B2B software companies.